Diarrea nei bambini

Diarrea nei bambini: le regole alimentari da seguire

 

I consigli degli esperti di SOS Pediatra sull’alimentazione e le regole della corretta igiene in caso di diarrea nei bambini.

I bambini, soprattutto i più piccoli, non riescono come gli adulti ad esprimere al meglio le loro richieste. È qualcosa che capiamo, in maniera piuttosto evidente, quando hanno a che fare con dei problemi di salute, come nel caso della diarrea.

Lo sviluppo ancora incompleto della flora batterica intestinale nei bambini può infatti portare, anche con una certa frequenza, all’insorgere di questo problema piuttosto spinoso. Con il passare degli anni, l’intestino impara a riconoscere gli agenti aggressivi esterni e dunque le cause della diarrea diventano più ridotte.

Come riconoscere la diarrea nei bambini

Esclusi i casi cronici, per i quali è importante ricorrere a una visita specialistica, in questo approfondimento parleremo di diarrea acuta, che dura pochi giorni ed è causata generalmente da un’infezione batterica o virale.

La diarrea cronica, invece, è caratterizzata da almeno 3 evacuazioni al giorno, dal peso superiore ai 300 grammi per singolo episodio e per un periodo minimo di 3 settimane. In questo caso, alcuni dei fattori scatenanti possono essere intolleranze alimentari, infezioni o malattie infiammatorie intestinali.

Cosa fare in caso di diarrea nei bambini

Al fine di adottare una strategia efficace è importante capire le origini del problema e studiare le soluzioni più giuste. Innanzitutto, è fondamentale che il bambino non vada in disidratazione: per questo è necessario reintegrare i liquidi persi, sia bevendo in maniera adeguata e, in caso di episodi più gravi, somministrando delle soluzioni reidratanti ad hoc.

Gli alimenti consigliati per prevenire la diarrea nei bambini

La terapia alimentare nel corso di episodi diarroici va mutuata secondo l’età del bambino:

  • Nel lattante va proseguita, senza interruzione, l’assunzione di latte materno. Questo è infatti sia una fondamentale fonte di liquidi che un efficace battericida e antivirale. Il latte materno, inoltre, aiuta la formazione della flora intestinale
  • Nei bambini allattati artificialmente è consigliato, salvo diverso parere medico, proseguire con l’assunzione del latte di formula, efficacemente tollerato a livello intestinale
  • Durante la fase di alimentazione complementare vanno ridotti gli alimenti che modificano, aumentandola, la motilità intestinale. Ad esempio è preferibile usare maggiormente la crema di riso, le patate e le carote e ridurre le zucchine.
  • Nei bambini con alimentazione completa (>1 anno) la reidratazione e la dieta contenitiva dell’episodio diarroico devono procedere di pari passo, tenendo a mente l’equilibrio calorico-proteico dei cibi assunti

Se il bambino è inappetente e mostra insofferenza al momento dell’alimentazione, si può posporre ma senza mai interromperla, poiché verrebbero a mancare i nutrienti fondamentali, con episodi di malnutrizione. È meglio preferire più pasti, ma con porzioni ridotte e frequenza maggiore. È inoltre importante eliminare temporaneamente alimenti ad alto contenuto zuccherino favorendo amidi e cibi naturali con potere calorico maggiore.

In caso di cibi cotti si raccomandano poi cotture semplici e a basso apporto di grassi, come ad esempio vapore, piastra, griglia o tramite l’immancabile pentola a pressione.

Tra i cibi sconsigliati o vietati del tutto le bevande zuccherine, i dolci, gli alimenti integrali, i formaggi non stagionati, gli insaccati, la frutta secca e le salse. I cibi da assumere con maggiore frequenza sono il riso, il pane tostato, lo yogurt, i formaggi stagionati, carne e pesce solo se magri, il succo di limone e il brodo di patate e carote.

Come evitare la diarrea?

Per prevenire la diarrea nei bambini è importante seguire, durante tutta la fase di preparazione e alimentazione, una igiene estremamente accurata, lavando le mani, la frutta e la verdura e tutti gli indumenti o tessuti a contatto con i piccoli. In questo modo si sfavorisce la proliferazione batterica e l’insorgenza degli episodi diarroici. Se si hanno animali domestici in casa, è bene lavare le ciotole dove mangiano in ambienti diversi da quelli delle normali stoviglie, favorendo pulizie fortemente igienizzanti (con prodotti appositi o con vapore caldo).

In ogni caso, soprattutto se la diarrea permane per più giorni, è importante consultare il proprio pediatra di fiducia. Qualora ci si trovasse in viaggio, o nella temporanea disponibilità del medico di famiglia, è possibile utilizzare l’app SOSPEDIATRA, tramite la quale trovare un pediatra a domicilio in maniera facile e veloce.

Commenti

Redazione

Seguici su Facebook