rovaniemi

Rovaniemi, la città delle fiabe per tutta la famiglia

 

Non c’è nulla che possa arricchire lo spirito più di un viaggio, soprattutto se la meta è Rovaniemi, il paese di Santa Claus. Quindi, perché non regalare ai propri figli ed a sé stessi un indimenticabile viaggio nella terra di Babbo Natale?

Sarà sicuramente un’esperienza unica da vivere in famiglia e della quale i bambini avranno un ricordo indelebile, più dell’ennesimo videogame o dell’ultimo modello di smartphone, destinati a diventare presto fuori moda. Ecco, allora qualche consiglio per chi decide di organizzare questa avventura, sicuramente impegnativa, ma davvero entusiasmante.

Verso Rovaniemi, a caccia di Babbo Natale

La capitale della Lapponia, in Finlandia, è da sempre identificata da tutti come un luogo fiabesco e quasi surreale, proprio perché, seconda la tradizione, è qui che abita Babbo Natale ed è sempre qui che i suoi elfi producono i regali da inviare a tutti i bambini del mondo. E’ vero che Natale viene solo una volta all’anno, ma chiunque visiti questi luoghi si renderà conto che Rovaniemi è legata al mito di Santa Claus anche durante tutti gli altri periodi.

La sua casa ed il villaggio, unici al mondo, sono sempre aperti. Qui i bambini possono spedire le cartoline con l’inimitabile timbro del Circolo Polare Artico e far invidia a tutti i loro amici, possono fare infiniti giri nei negozi di souvenir e visitare addirittura i mitici laboratori degli elfi.

Non sono esperienze comuni, quindi vale davvero la pena mettersi all’opera ed organizzare un viaggio a Rovaniemi per tutta la famiglia. L’offerta ricettiva è varia e differenziata e si articola fra hotel classici e strutture davvero fuori dal comune.

La scelta dipende dal budget a disposizione, ma anche dall’età dei propri figli. Con bambini dai dieci anni in su, ad esempio, si può scegliere di alloggiare nel villaggio di Babbo Natale ovvero nello Snowman World Santa Claus Village dove le camere sono niente di meno che veri e propri igloo.

Ovviamente è una struttura non adatta ai più piccoli perché all’interno la temperatura è di 0°, mentre all’esterno si raggiungono i -30°; per contro la mattina viene servita un’abbondante colazione e le coperte termiche mantengono caldi durante la notte.

Per il resto gli alloggi sono dotati di vari confort, ma al momento della partenza viene rilasciato un certificato di sopravvivenza nel gelido artico; un bellissimo trofeo che i ragazzi potranno esibire con orgoglio.

A parte questo hotel fuori dal comune, a Rovaniemi si può alloggiare presso baite in legno immerse nei boschi oppure in strutture al centro città, dipende dalle esigenze personali. Fra le esperienze più belle da non perdere c’è un safari con slitte trainate da husky e renne ed il tour della fabbrica dei giocattoli.

In Lapponia con i bambini: consigli utili

Ecco, allora, qualche indicazione importante su come organizzare al meglio una vacanza in questi luoghi insieme ai vostri bambini. Per prima cosa il viaggio: la durata perfetta sarebbe di circa 4-5 giorni, così da riuscire a fare un tranquillo giro di tutte le attrazioni possibili non perdendosi assolutamente nulla e con i tempi giusti per far assaporare ai più piccoli ogni attimo.

Non ci sono voli diretti che arrivano a Rovaniemi, per cui è necessario giungere ad Helsinki e poi proseguire con tratte interne. Se ci si affida a tour operator che svolgono normalmente questi viaggi, in alcuni periodi sono disponibili charter che arrivano in Lapponia.

Ovviamente in questi luoghi si può ammirare l’aurora boreale, altro valore aggiunto, e bisogna calcolare che in inverno per gran parte del giorno è buio mentre in estate c’è sempre il sole. Il periodo migliore per i bambini è dicembre: è vero il freddo pungente per cui è necessario l’abbigliamento adatto, ma la magia che vi si respira impareggiabile e poi non sarebbe possibile immaginare in villaggio di Santa Claus senza neve.

Se si viaggia con un tour operator specializzato l’attrezzatura termica viene fornita da loro al momento dell’arrivo ad Helsinki, in caso contrario i viaggiatori “fai da te” dovranno attrezzarsi con tutto il necessario.

In generale è consigliabile un viaggio a Rovaniemi solo se si hanno bambini al di sopra dei 5 anni. Si tratta, infatti, di una destinazione impegnativa durante la quale non è permesso ai bambini più piccoli svolgere determinate attività. Bisogna, poi, considerare che fa davvero molto freddo, la maggior parte delle esperienze viene fatta all’aperto e per gran parte al buio.

Sono condizioni abbastanza complesse che potrebbero stancare i bambini troppo piccoli e che, comunque, richiedono una buona dose di adattabilità. Non è da sottovalutare nemmeno il costo del viaggio per una famiglia; non è esattamente fra quelli più economici, per questo motivo sarebbe meglio farlo quando i figli sono abbastanza grandi da rendersi conto di ciò che stanno vivendo, mantenendone poi il ricordo per tutta la vita.

Commenti

Redazione

Seguici su Facebook