Musei per bambini

I musei italiani “a misura di famiglia”

 

Per tutte le famiglie che non rinunciano a unire cultura e divertimento, ecco la classifica dei musei italiani kids & family friendly.

Sono sempre più, infatti, i musei per bambini in Italia, luoghi di storia, scienza e natura dove bambini e ragazzi possono imparare tante, utilissime lezioni in un’atmosfera studiata attentamente, con laboratori, spazi tematici e attrazioni studiate per catturare l’attenzione del pubblico “under”.

Andiamo dunque alla scoperta dei migliori musei d’Italia dove i piccoli e gli adolescenti possono trascorrere qualche ora di spensieratezza ma, allo stesso tempo, conoscere meglio il mondo che li circonda.

Museo della Scienza e della Tecnologia Leonardo da Vinci – Milano

Museo Scienza Milano
Museo della Scienza e della Tecnologia “Leonardo da Vinci” a Milano

Un vero e proprio polo scientifico aperto agli esperimenti e all’esplorazione. Il Museo della Scienza e della Tecnologia Leonardo da Vinci di Milano esiste dal 1953, ma è negli ultimi anni che ha conosciuto un importante incremento in termini di pubblico e di visibilità.

Di grandissimo valore è la Galleria Leonardo da Vinci, che ospita disegni, modelli e macchine costruite dal genio toscano. Dall’argano alla pila idraulica, dalla vite aerea alla draga, bambini e adulti possono conoscere così il lavoro e il pensiero del più grande inventore della storia.

Incredibile anche la vista del Sottomarino Enrico Toti, gioiello dell’ingegneria navale italiana che si può visitare anche all’interno, e alle tante opere esposte: treni, aerei, navi, motori sperimentali, organi a canne.

Ai più piccoli sono riservate attività e laboratori educativo-didattici, tinkering & making zones, biblioteche e spazi per sviluppare la creatività e la conoscenza.

La Città dei Bambini e dei Ragazzi – Genova

Genova
Genova, la città del mare e il suo porto antico

Un progetto nato in collaborazione con l’omonima fondazione museale di Parigi, la Città dei Bambini e dei Ragazzi di Genova si divide in tre aree, a seconda dell’età dei visitatori: 2-3, 3-5 e 6-12 anni.

Nella sezione 2-3 anni i piccoli affrontano la riproduzione di un bosco, con alberi, piante e fiori, ma anche con un fiumiciattolo da attraversare. L’obiettivo, prima ancora che di sviluppare la conoscenza dell’ambiente, è quello di promuovere l’attività psicomotoria del fanciullo.

Nella sezione da 3 a 5 anni si passa al principio della “scoperta” e delle attività manuali, grazie a uno spazio che ricorda quello di un cantiere edile, dove tra ponteggi, costruzioni, grandi vasche d’acqua colorata e tantissimi percorsi ideali i bambini potranno iniziare a comprendere meglio il mondo attivo.

La terza sezione, che accompagna i bambini da 6 a 12 anni (pre-adolescenti), vuole invece portare i più piccoli a riflettere in maniera critica sulle leggi e i meccanismi che regolano il quotidiano, dalla televisione alle bolle di sapone, dalla gravità alle maree e così via.

La Città dei Bambini e dei Ragazzi può essere visitata nel percorso unitario di AcquarioVillage che, oltre ovviamente all’Acquario di Genova, unisce la Biosfera, l’Ascensore Bigo e il Museo del Mare del capoluogo ligure.

Museo dei Ragazzi in Palazzo Vecchio – Firenze

Firenze con bambini
Firenze, una città di cultura che è adattissima per un viaggio in famiglia

Conoscere la storia in un luogo che ha fatto la storia. I bambini e i ragazzi sono i protagonisti di questo ambiente museale che viene ospitato nell’antica Reggia di Cosimo I e nei Quartieri monumentali di Firenze.

Le esperte guide, vestite come degli antichi cortigiani del Cinquecento, accompagnano i bambini a partire dai 3 anni di età alla scoperta delle vestigia della Firenze medicea, mostrando affreschi, dipinti e arazzi, raccontando una storia che somiglia alle fiabe, ma ha il pregio d’essere vera.

Addirittura, i bambini e i ragazzi possono partecipare a laboratori didattici di pittura, disegnando personaggi, nature e tanto altro su della terracotta, utilizzando le tecniche che erano in voga nel XV e XVI secolo, e accrescendo così la loro capacità artistica.

Explora, Museo dei Bambini – Roma

Roma
Roma, cultura e storia si incontrano nella Città Eterna

Sovvertire l’idea generale del museo (vedere, non toccare, seguire un percorso) e trasformarlo in un laboratorio dei sensi e delle esperienze. Ecco il clima che caratterizza il Museo dei Bambini a Roma, che ha scelto per questo motivo il nome parlante di “Explora”.

I bambini vengono divisi in turni di circa due ore: durante questo tempo, ogni attrazione, attività o laboratorio può essere fruita liberamente, ed è divisa per esperienza (vita quotidiana, ambiente, etc.) e per età (0-3, 3-6 e 6-12 anni).

Grazie all’impegno dell’Istituto di Psicologia del Centro Nazionale per le Ricerche, infatti, Explora è un museo che stimola la curiosità e la voglia di conoscere dei più piccoli, rendendoli degli esploratori del sapere e non limitandoli ad attività “guidate”.

Commenti

Redazione

Seguici su Facebook