vacanze estive con i bambini

Vacanze estive con i bambini: ecco cosa mettere in valigia

 

Al mare con i più piccoli? C’è sempre qualcosa alla quale prestare attenzione, a iniziare dalla valigia. Preparala così 

Partire significa fare i conti con la scelta della destinazione, le prenotazioni, il controllo delle previsioni meteo e poi lei, la più temuta: la valigia. Sì, perché preparare i bagagli non è mai semplice, e difficilmente troverete qualcuno che trova questo momento del pre-viaggio piacevole.  

In fondo si tratta di condensare in spazi spesso molto piccoli – a causa delle restrizioni delle compagnie aeree o ferroviarie – tutte quelle cose che fanno parte del nostro quotidiano: abbigliamento, accessori, scarpe, prodotti per ligiene personale e tutto il corollario classico di oggetti che portiamo con noi per sentirci a casa anche mentre siamo in vacanza.  

Fare la valigia per i bambini, poi, diventa ancor più impegnativo: per i piccoli bisogna sicuramente lasciare spazio ai giocattoli, nonché a tutte quelle commodities (prodotti per lallattamento, pannolini, bavaglini etc.) che permettono anche a loro di sentirsi tranquilli e rilassati in vacanza.  

Se la destinazione è il mare, poi, non possono mancare dei prodotti contro le punture di meduse. Per questa esigenza viene in nostro aiuto Respingo Jellyfish, il nuovo prodotto della Sanifarma è un’emulsione facilmente spalmabile su tutto il corpo. Si tratta di un prodotto resistente ad acqua e sudore, adatto per tutte le età e applicabile anche sulla protezione solare. Viene venduto in flaconi da 100 ml (adatti dunque anche al trasporto nel bagaglio aereo) e nel formato famiglia da 250 ml. È composto da una serie di ingredienti studiati per favorire idratazione, protezione della pelle e per interferire con il rilascio delle sostanze urticanti prodotte dalle meduse.

Cosa mettere in valigia per il mare 

I più organizzati hanno già pensato alla soluzione adatta per studiare la valigia perfetta per il mare: è una tabella, suddivisa per tipologia di prodotto e persone, da riempire come una checklist. In questo modo sarete sicuri di accontentare tutti e non dimenticare proprio nessuno. 

Sì, ma cosa bisogna davvero portare con noi? Ovviamente non può mancare il costume da bagno: ogni membro della famiglia ha il suo, preferibilmente di un tessuto naturale e comodo, ma anche facilmente lavabile. Se lo spazio lo permette, si può anche portare un secondo costume per ciascuno: in questo modo non dovrete lavarlo obbligatoriamente a ogni ritorno dalla spiaggia. 

Fondamentale anche il telo mare, sul quale i piccoli potranno sdraiarsi (ma rigorosamente sotto lombrellone, per evitare abbronzature eccessive) e giocare insieme con gli amici o con mamma e papà 

La scelta dellabbigliamento deve ricadere su magliette, polo e pantaloncini preferibilmente di cotone e lino: sono i tessuti naturali con la maggiore traspirabilità, adatti anche alle giornate più calde. Scegliete nuance chiare (bianco, azzurro, ocra, sabbia) che non assorbono il calore ed evitate i colori scuri come il nero o il blu intenso. Per le scarpe scegliete delle ciabatte da mare (anche in gomma andranno bene, poiché più facilmente lavabili), mentre per le passeggiate mattutine o serali portate ai vostri bambini dei sandali allacciati alla caviglia o delle scarpe chiuse, se sono previste escursioni nella natura. 

I bambini più piccoli hanno necessità particolari: non dimenticatevi dunque dei pannolini (esistono anche in variante per la piscina), del biberon con il suo scaldino e delle salviette igienizzanti.  

Infine la protezione solare specifica: a seconda del fototipo, scegliete una protezione 50+ o leggermente più bassa, adatta alla pelle dei bambini e in grado di costituire una efficace barriera contro i raggi ultravioletti. Applicatela almeno ogni due ore, ricordandovi di asciugare la pelle e riapplicarla dopo ogni bagno. 

Commenti

Stefano Maria Meconi

Seguici su Facebook