orlando florida

Orlando, la città dei bambini e dei parchi divertimento

 

Quando si è in cerca di una destinazione di viaggio negli Stati Uniti, da fare con i propri figli, non si può che pensare immediatamente ad Orlando, la capitale del divertimento, nella quale tutti tornano un po’ bambini.

In Florida, tra l’altro, ci sono anche altri fattori favorevoli come il clima sempre mite che invoglia a star fuori, moltissime località da vedere ed una grande quantità di parchi tematici. La scelta delle attrazioni dipende, ovviamente, dal tempo a disposizione, dal budget in programma ed anche dall’età dei figli, ma è certo che ad Orlando è impossibile annoiarsi.

Anzi, il consiglio semmai è proprio quello di pianificare al meglio il proprio viaggio in famiglia, perché si potrebbe rischiare di rimanere disorientati davanti a tutte le cose che si possono fare in questa città, perdendo del tempo prezioso nella scelta delle attrazioni. Quindi è importante partire con le idee già molto chiare, anche in base all’età dei figli ed ai loro interessi.

Principali Parchi Divertimento ad Orlando

Al primo posto non si può che menzionare il più noto e spettacolare parco tematico del mondo, il DisneyWorld di Orlando che si compone di ben 6 parchi differenti. Il Disney’s Magic Kingdom, fu il primo ad aprire ed è adatto ai bambini di ogni età, ma anche ai genitori.

C’è da premettere che il costo del biglietto è piuttosto alto per cui va messo in programma già prima di intraprendere questo viaggio, ma siccome nessuno può resistere alla magia di questo parco, ne vale assolutamente la pena. Ci si troverà immersi nel mondo dei cartoni animati più amati di sempre, fra parate dei personaggi della Walt Disney, castelli incantati e regni fantastici.

Le migliori attrazioni sono quelle dei Pirati dei Caraibi e Fantasyland ispirata alla favola di Biancaneve.

Epcot è ancora più grande del precedente ed è stato realizzato come una città ideale, dallo spirito futuristico. Le migliori attrazioni sono le aree dedicate ad alcuni paesi del mondo, come Cina, Marocco e Messico, il simulatore di lancio spaziale e lo spazio subacqueo del pesciolino Nemo.

I Disney’s Hollywood Studios, invece, sono dedicati al mondo del cinema, ovvero a tutti i film prodotti dalla Walt Disney. Il parco è concepito come un enorme set cinematografico e vi si trovano attrazioni un pò particolari per cui è maggiormente adatto ai bambini più grandi. Fra queste vi sono anche lo Stunt Show, la Toy Story Midway Mania e la Twiligth Zone Tower of Terror, un particolare ascensore che dà l’impressione di cadere nel vuoto.

Per i piccoli ospiti che adorano gli animali c’è, invece, Animal Kingdom, un parco meno conosciuto rispetto agli altri, ma ugualmente bello ed interessante perché dedicato alla natura, con zone che ospitano animali provenienti da varie parti dl mondo e diversi habitat. Ci sono più di 300 specie, fra quelle tipiche dell’Africa, dell’Asia e di altri continenti. Un’area è riservata, poi, ai dinosauri per gli amanti del genere.

Come non citare, inoltre, i vari parchi acquatici? Un’isola tropicale colpita da un terribile tifone aspetta gli ospiti presso la Disney’s Typhoon Lagoon, con attrazioni adrenaliniche ed emozionanti, insieme ad aree relax. C’è, inoltre, la Blizzard Beach Water Park un’originale parco acquatico nel quale tutta la Florida è immaginata sommersa dalla neve.

Attenzione, però, perché ad Orlando non c’è solo DisneyWorld. Infatti, sebbene leggermente oscurati dalla grandiosità di questo mondo parallelo, è possibile visitare anche gli Universal Studios con tutta una zona dedicata ad Harry Potter, spettacoli acquatici, lunapark e moltissime altre attrazioni che non hanno nulla d invidiare ai concorrenti.

Manuale di sopravvivenza per i genitori

Ogni genitore sa perfettamente che, quando si portano i propri figli in una località come Orlando, è necessario essere pronti a tutto. Per questo motivo, il consiglio iniziale è stato quello di programmare il più possibile prima della partenza, acquistando on line anche i biglietti d’ingresso.

Il Magic Your Way, ad esempio, è un ticket che consente l’ingresso ed il trasporto fra i vari parchi divertimento oltre ad avere il FastPass, ovvero il salta-fila davanti alle principali attrazioni ed il Park Hopper con spostamento libero da un parco ad un altro nella’arco della giornata. Questa opzione è assolutamente consigliata per chi si ferma oltre i due giorni.

Come molti sapranno, nei parchi si trovano anche numerosi hotel e resort, alcuni dei quali sono davvero spettacolari. I prezzi variano moltissimo e nel French Quater se ne trovano di economici come il Disney’s Port Orleans Resort oppure il Dinsey’s All-Star Movies, nella zona dell’Animal Kingdom.

Naturalmente qualche piccola differenza con quelli più famosi c’è, ma i bambini, pur di dormire insieme ai loro beniamini, non ci faranno caso. Sarebbe comunque opportuno dormire dentro i parchi anche perché gli ospiti di questi resort possono entrare un’ora prima degli alti visitatori ed un vantaggio del genere è sicuramente da sfruttare.

Per quanto riguarda il periodo in cui andare ad Orlando, sarebbe opportuno evitare l’estate, per il caldo eccessivo e la famosa festa di primavera (Spring Break), durante la quale le scuole americane chiudono e migliaia di ragazzi e famiglie si riversano nei parchi divertimento che risultano davvero troppo affollati e si rischiano lunghissime file davanti alle attrazioni.

Commenti

Redazione

Seguici su Facebook