spiagge italiane a prova di famiglia

Sono loro le cinque spiagge italiane a prova di famiglia

 

Estate 2020: la ricerca delle spiagge italiane a prova di famiglia si fa ancor più attenta. Ma non è un’impresa impossibile! 

Quando si organizza una vacanza al mare con i bambini c’è sempre bisogno di scegliere strutture e destinazioni che rispondano alle esigenze dei più piccoli. Tra queste si potrebbe fare anche un piccolo decalogo delle necessità dei bambini, includendo la presenza di lidi sabbiosi (che sono più accessibili e meno rischiosi rispetto a quelle sassose), piuttosto ampi e in grado di garantire il rispetto del distanziamento sociale.

La qualità dell’acqua – ma questo, per certi versi, è scontato – deve essere ottimale e tutto il tratto di mare antistante il lido non deve avere profondità eccessive. È importante scegliere destinazioni con tratti digradanti, magari la Riviera Romagnola o la costa abruzzese rispetto, ad esempio, al Conero o alle spiagge isolane dove invece le boe sono molto più vicine alla spiaggia.

Per scegliere le spiagge italiane a prova di famiglia più adatte per una vacanza al mare con tutta la famiglia, un consesso di 2550 pediatri italiani ed europei – capitanati dal medico Italo Farnetani – ha lanciato dal 2008 il progetto delle Bandiere Verdi, con l’obiettivo di premiare quelle spiagge che rispondono alle necessità dei più piccoli.

Il 2020 vede ben centoquarantasette comuni premiati, di cui 144 in Italia, 2 in Spagna e uno in Romania: un segnale importante, quest’ultimo, che spinge il turismo familiare anche verso una destinazione dalla quale provengono molte famiglie e bambini italiani di seconda generazione.

Le Bandiere Verdi sono riconoscibili facilmente da una bandiera di colore verde prato che ha al suo interno un simbolo con la dicitura “Spiaggia per i bambini dai pediatri”. Una evidenza immediata per le quindici regioni italiane che possono fregiarsi di almeno uno di questi riconoscimenti (sono escluse Valle d’Aosta, Lombardia, Umbria, Trentino-Alto Adige e Piemonte).

Tra questi Piccoli e Viaggi e SOS Pediatra hanno selezionato per te cinque spiagge a prova di famiglia, da scoprire in questa calda – e insolita – estate 2020.

Termoli (Molise). Una delle più belle località del Molise, Termoli si trova lungo la “Costa Verde”, 35 km di mare limpido e trabocchi, le classiche palafitte del Mar Adriatico che anticamente servivano per la pesca. Qui si può scegliere tra la Spiaggia di Rio Vivo e quella di Sant’Antonio, due lidi sabbiosi e facilmente accessibili dove non troverete un’affluenza eccessiva e potrete godere con i bambini di un mare straordinariamente bello.

Mirto Crosia (Calabria). La sponda ionica della Calabria offre l’opportunità di vivere il mare in maniera più tranquilla e rilassata, condizione ideale per quelle famiglie – anche numerose – che vogliono passare delle giornate in spiaggia senza preoccupazioni. Facilmente raggiungibile in treno o in automobile, Mirto Crosia offre ampie spiagge sabbiose, spesso libere, dove i bambini potranno godere del mare in sicurezza.

Vendicari (Sicilia). All’interno di una delle più belle riserve naturali della Sicilia si trova la zona marittima di Vendicari. Che sia la sabbiosa spiaggia Marianelli, incontaminata e purissima o il piacevole litorale di San Lorenzo, qui c’è l’imbarazzo della scelta in fatto di lidi sabbiosi e di bellezze naturali. E tutt’intorno la cultura la fa da padrona, tra la Val di Noto e la bellissima località marittima di Marzamemi.

Lavagna (Liguria). Il lungomare di Lavagna, località a metà strada tra Chiavari e Sestri Levante, è particolarmente adatto alle famiglie con bambini al seguito. Per questa estate 2020 la spiaggia libera, con il suo bel terreno sabbioso molto accogliente, prevedrà alcune restrizioni al numero di accessi ma con l’obiettivo immutato di fornire una vacanza serena e rilassante a tutti. Stessa cosa per i bagni organizzati, con distanziamento sia sull’arenile che nelle zone di accoglienza.

Anzio (Lazio). La città dello Sbarco è una delle località marittime più frequentate del Lazio, anche grazie alla vicinanza con Roma e alla possibilità di raggiungerla in neanche un’ora dal centro della Capitale. Qui la Bandiera Verde è arrivata nel 2016 e quest’anno si celebra per la quinta volta questo importante riconoscimento. Una meta per tutta la famiglia dove godersi un mare pulito con lidi organizzatissimi, provare la gastronomia locale e fare un tuffo nella storia italiana recente.

Commenti

Stefano Maria Meconi

Seguici su Facebook